Hubbard Street Dance Chicago

Domenica pomeriggio, finalmente una giornata limpida serena e soleggiata…che fare? una bella passeggiata all’aria aperta? mmm no, meglio chiudersi a teatro ! A parte gli scherzi sono strafelice di averlo fatto perchè sono andato a vedere uno spettacolo al Rossetti di danza contemporanea “Hubbard Street Dance Chicago” ed è stato incredibile.

Sono andato a vedere lo spettacolo completamente ignaro su chi fosse la compagnia, e anche dopo aver letto il libretto che li definisce “fra i più prestigiosi e quotati nel panorama mondiale della danza contemporanea” il dubbio è rimasto…sono stato a vedere lo spettacolo di Martha Graham e di Daniel Ezralow entrambi super accreditati, ma che alla fine non mi son piaciuti…

Ma la magia del teatro ha inizio, L. ha trovato dei posti eccezionali in seconda fila centrali, la luci si spengono, il red courtain si apre, la musica inizia e i ballerini sono pronti a rapirti per trascinarti con loro in un mondo nuovo, fatto di di perfezione, di sussulti e sospiri, di una bellezza pura da togliere il fiato.

La prima coerografia di una mezz’ora circa mi entusiasma come non mai, si chiama “Bardo” , è viscerale , forte e pulsante … mette in scena dieci ballerini che si muovono come fossero un tutt’uno, mai una sbavatura, mai un alluce fuori posto … poi finisce che mi perdo nella sinuosità di un corpo, nel desiderio sessuale e mi chiedo se sia un valore aggiunto alla sua arte o se sto .. (senza accento…grazie L.) … sminuendo il capolavoro che quei ballerini stanno dipingendo davanti ai miei occhi …

Finita la prima coerografia si cambia genere e si prosegue con un passo a due spagnoleggiante (in verità le musiche leggo che sono ispirate alla tunisia…)… qui il pubblico va in visibilio, e io rimango un po’ dubbioso perchè in verità non riesco a smettere di pensare alle musiche e alle emozioni del ballo precedente.

Si prosegue con altre due coreografie simpatiche, i ballerini cambiano ogni volta e sono tutti eccezionali, ma porca miseria perchè continuo a desiderare di rivedere quelle scene di “massa” ?

Stranamente per una volta vengo ricompensato e nel gran finale “Palladio” ci sono tutti i ballerini visti durante le esibizioni precedenti…e già anche il mio sogno proibito…sono di nuovo in estasi e quando parte la musica di “Palladio” (quella dello spot di “un diamante è per sempre) un brivido mi percorre e mi stupisco nello scoprire che mi è venuta la pelle d’oca…

Lo spettacolo finisce mentre gli applausi sembrano non finire mai ….

Di ritorno a casa ho messo la musica di Karl Jenkins a manetta in un repeat infinito… Oggi in ufficio idem, per buona pace della mia collega R. che fortunatamente apprezza…

Insomma ora devo solo decidere se sono loro o i Momix i miei preferiti 🙂

Notte blog.

Annunci

~ di blogtano su 21 aprile 2008.

Una Risposta to “Hubbard Street Dance Chicago”

  1. Bè, visto quel che hai scritto, se devo fare un commento è obbligatorio avere nelle orecchie Karl Jenkins e il suo Palladio (che gentilmente mi hai passato. Tnx). Grande musica non c’è che dire, ma soprattutto grandioso spettacolo. Concordo praticamente su tutto, e azzarderei pure un “il migliore del cartellone”… certo, un oro ancora provvisorio (mi mancano un paio di spettacoli), ma ho l’impressione che rimarrà sulla vetta fino alla fine.
    kiss

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: