Galantuomini

Lecce, anni ’60 tre piccoli amici giocano spensierati.

Lecce, anni ’90 i tre amici sono cresciuti ed hanno intrapreso strade diverse.

Lucia è diventata un boss mafioso (della Sacra Corona Unita) Fabio un tossicodipendente e Ignazio un giudice.

Fabio muore per un’overdose e Ignazio torna a casa per il funerale del vecchio amico, e viene pure incaricato dell’indagine sul giro di droga della città. Qui ritrova anche la vecchia amica Lucia e fin da subito la tensione erotica è palese.

Ignazio scoprirà poi che la droga è controllata proprio da Lucia la donna che ama, e quindi scatta il conflitto amore-giustizia, lui è la legge lei la criminale…che fare?

Una buona regia (molto belle le immagini dei bambini negli anni ’60, sia come regia che come fotografia), una Finocchiaro (Lucia) intensa, (molto interessante il ruolo di una donna in un “clan” comunemente maschilista), Beppe Fiorello nel ruolo di un cocainomane è convincente, mentre il giudice Ignazio (Fabrizio Gifuni) mi è sembrato alquanto spaesato.

Indigeribile il finale, ed è un peccato perchè era partito bene.

VOTO: 6

Annunci

~ di blogtano su 30 ottobre 2008.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: